• Elpidio Pezzella

Essere fratelli

Updated: Jan 18

E Caino parlò con suo fratello Abele; quando furono nei campi, Caino si levò contro suo fratello Abele e lo uccise. Allora l’Eterno disse a Caino: «Dov’è tuo fratello Abele?».

Genesi 4:8-9

Le pagine del Genesi, che aprono il testo biblico, sono fondamentali per una riflessione sulla fraternità. Dalle prime battute conosciamo la coppia umana (uomo e donna), creata da Dio: i due che diventano uno nel vincolo dell’amore. Nella coppia, composta da due che si amano, si ricerca l’unità radicale, in proiezione della quale l’uno e l’altro tendono costantemente alla trasformazione. Per i fratelli invece la storia è quasi il contrario. Sin dal principio con Caino e Abele e passando per Giacobbe ed Esaù è storia di un’unità perennemente divisa. I fratelli hanno origine dall’unione dello stesso padre e della stessa madre, ma provocano la crisi con la loro diversità. La fraternità, secondo il progetto di Dio, dev’essere unità di ciò che è diverso, mantenendo la diversità, e Dio è libero nei suoi doni: a uno dà di più, a un altro di meno. Questo però non dovrebbe rendere uno migliore o superiore dell’altro. Dei figli di Adamo ed Eva viene riferito l’agire: l’uno e l’altro offrono in sacrificio al Signore i frutti della propria attività, ma Dio gradisce l’offerta di Abele e non quella di Caino. Per noi è difficile capire perché il Signore agisca in questo modo e come questo gradimento sia colto dalle parti in causa.


Caino non è in grado di sopportare quella che percepisce come un’ingiustizia del Signore nei suoi confronti: il risentimento contro Dio si riversa contro il fratello “avversario”. Il rancore che genera è tale da condurre Caino a levare la sua mano e ad uccidere del fratello, nonostante le parole di Dio che lo avevano ammonito a rientrare in se stesso. All’origine della violenza omicida che porta Caino a uccidere Abele potremmo supporre una mancanza di dialogo, dietro al quale si trova il rifiuto dell’altro e del suo essere diverso, anche nel senso di favorito o migliore. Di certo è una forma di gelosia. Il dialogo però manca anche con Dio. Infatti, quando viene allertato del pericolo, Caino resta silente, anzi va a parlare con il fratello (v. 8). Non sappiamo cosa gli disse e con quale tono. Un tentativo di chiarimento è percepibile, ma non sarà sufficiente a placare la rabbia interiore, se non addirittura a scatenarla. Non sempre i dissidi possono risolversi nel breve tempo. A volte richiedono più tentativi, e soprattutto la disposizione a cedere qualcosa da parte dei soggetti coinvolti. Dopo quel dialogo, decide di passare all’azione e “quando furono nei campi, Caino si levò contro suo fratello Abele e lo uccise” (v. 8b).


Dopo il suo delitto, Caino si sente domandare da Dio: “Dov’è tuo fratello?” Queste parole sono dirette ad ognuno di noi, e il messaggio più profondo è che ogni atto di rifiuto, di ostilità verso il fratello, anche quando non sia stato sparso sangue, è in realtà un agire omicida. Dio è lì. Non interviene ma vede e domanda. La responsabilità dinanzi a Dio è essenzialmente quella nei confronti del fratello, il cui volto è appunto quello di Dio, come nella storia della riappacificazione tra Giacobbe ed Esaù (Genesi 33). La prima fraternità termina dunque con un fratricidio e quelle successive vi andranno vicino: Esaù minaccia di morte Giacobbe, i fratelli di Giuseppe ne fingono l’uccisione e lo vendono. Al di là dei legami di sangue, nella Bibbia essere fratelli significa avere lo stesso Dio, vivere le stesse attese, appartenere consapevolmente allo stesso popolo. Con l’avvento di Gesù e ascoltando le Sue parole, scopriamo che è possibile spingersi anche oltre. Essere fratelli è un cammino, fatto anche di incomprensione e di errori, ma dove occorre imparare ad accettarsi e accogliersi, apprezzando che le diversità di ciascuno sono ricchezza familiare. Nel gruppo dei discepoli le relazioni familiari vengono superate: “Poiché chiunque fa la volontà di Dio, questi è mio fratello, mia sorella e madre” (Marco 3:35). Nello stesso tempo queste parole sono sfida per una fraternità allargata, ad accogliere come fratelli tutti coloro che aderiscono al messaggio del Regno, indistintamente tutti i figli del Padre. Abbiamo da lavorare ancora molto su di noi per uscire dalle pagine di Genesi.



Piano di lettura settimanale

della Bibbia n. 04

18 gennaio Genesi 43-45; Matteo 12:24-50

19 gennaio Genesi 46-48; Matteo 13:1-30

20 gennaio Genesi 49-50; Matteo 13:31-58

21 gennaio Esodo 1-3; Matteo 14:1-21

22 gennaio Esodo 4-6; Matteo 14:22-36

23 gennaio Esodo 7-8; Matteo 15:1-20

24 gennaio Esodo 9-11; Matteo 15:21-39



English

Dev. 04 en
.pdf
Download PDF • 242KB




Espanol

Dev. 04 esp
.pdf
Download PDF • 82KB




foto di Marcello eM, www.freeimages.com

113 views0 comments

Recent Posts

See All
EP.png

IL MIO IMPEGNO

To respond to the aspiration and desire of so many honest believers to smuggle the talents received, I have pledged to train faithful men and women for "a service that serves", following the invitation of Jesus (Mt 20: 26-27). The proposed material aims to offer opportunities for training and personal growth not to be feared by others, but a sharing to grow together, far from controversy, accusations and any form of judgment aimed at fueling unnecessary disagreements and disputes. I'm trying!

Social

  • social-media (1)
  • cinguettio
  • Instagram
  • Youtube
  • telegram