• Elpidio Pezzella

Feste con il cuore

Ed egli abiterà con loro; e essi saranno suo popolo e Dio stesso sarà con loro e sarà il loro Dio. E Dio asciugherà ogni lacrima dai loro occhi, e non ci sarà più la morte, né cordoglio né grido né fatica, perché le cose di prima son passate.

Apocalisse 21:3-4

Il 2020 sarà ricordato come un anno “horribilis” a causa della pandemia da sars-covid19, capace di mutare usanze e costumi in tutto il mondo. Per tutelare la salute anche le tradizioni e i riti del periodo avranno un’aria poco festosa (o almeno così dovrebbe essere). Volente o nolente, ciascuno sta approcciando quella che era la settimana delle feste per eccellenza in maniera diversa. Nessun rammarico prevalga sul considerare che almeno a Natale doveva essere altro. Quando molti sognano almeno per un giorno un mondo migliore, famiglie felici, ospedali vuoti, chiese stracolme, bambini felici con i loro giocattoli, tavole imbandite dappertutto, occorre guardarsi attorno e rivedere le nostre consuetudini nel rispetto di chi il cuore a pezzi, gli occhi bagnati e un enorme groppo alla gola. Innanzitutto riscoprire che quello simpaticamente definito “spirito natalizio” è tutt’altro dal divertimento e dalla baldoria, ma solidarietà e vicinanza.


Questo periodo dovrebbe favorire il ricordo delle tante acclarate origini cristiane della nostra società, ossia aiutare a volgere lo sguardo su Colui che un giorno è venuto a dimorare in mezzo a noi, assumendo natura umana nel seno di Maria e venendo alla luce in una umile stalla a Betlemme, per testimoniarci l’amore di Dio per ognuno, talmente immenso da lasciare la Gloria del cielo e farsi come noi con l'intento di renderci partecipi del Cielo, riconciliandoci al Padre mediante la Grazia. Infatti, proprio questa prospettiva diventa consolatoria in un tempo di sofferenza e lacrime. La nascita del Cristo non è fine a sé stessa. Egli non è venuto per lasciarci una festa, ma per aprirci le porte del Cielo, per aiutarci a vivere questa esistenza come viatico verso il Suo regno.


Come ribadito nel tempo da zelanti credenti, con Gesù è Natale tutti i giorni, se Egli abita nella vita del credente, che ha scelto di confidare nell’Eterno. Egli sa che non sarà questione di tempo e quindi di un giorno in particolare, ma piuttosto di condizione interiore, per cambiar la quale non basteranno auguri e auspici di ogni genere. Fin quando non sarà Lui al centro della nostra esistenza non riusciremo a comprendere pienamente il senso delle parole a Nicodemo: «In verità, in verità ti dico che se uno non è nato di nuovo non può vedere il regno di Dio» (Giovanni 3:3). Già allora Gesù anticipava la meraviglia di un uomo professante la fede di Israele. Basterebbe questo per comprendere che non si tratta di rinnovare un rito o di voler vedere nascere il Cristo nella mangiatoia di un presepe. La stalla e la mangiatoia dovrebbero indicare a tutti la via dell’umiltà, per dare inizio a un nuovo percorso senza nulla pretendere, ma lasciare che il Cristo abiti la propria esistenza. Se questo non è ancora accaduto, possa allora essere veramente Natale nella tua vita. Nasci di nuovo in Cristo. Afferra il dono di Dio e lasciati illuminare dalla Sua luce.


In quanti ancora credono nel valore della famiglia, questi giorni proveranno se i sentimenti dichiarati e postati sono realmente sinceri o meno. Non poter raggiungere o frequentare i propri cari misurerà il livello della sensibilità affettiva. Forse avremo modo di pensare maggiormente anche a chi vive in case famiglie e di accoglienza, case di detenzione e di cura. Credo che alla fine, se abbiamo un minimo di fede, converremo che il ricordo del Cristo non può legarsi ad una celebrazione imposta da un calendario liturgico, e che quel che conta veramente non è ciò che entra nel ventre ma quel che esce dal cuore e dalla bocca. “… le cose di prima son passate”, annuncia Apocalisse. E noi alziamo lo sguardo a quel giorno che viene, quando “non ci sarà più la morte, né cordoglio né grido né fatica”.



Piano di lettura settimanale

della Bibbia n. 52

21 dicembre Michea 6-7; Apocalisse 13

22 dicembre Nahum; Apocalisse 14

23 dicembre Habacuc; Apocalisse 15

24 dicembre Sofonia; Apocalisse 16

25 dicembre Aggeo; Apocalisse 17

26 dicembre Zaccaria 1-4; Apocalisse 18

27 dicembre Zaccaria 5-8; Apocalisse 19



English

Dev. 52 en
.pdf
Download PDF • 241KB




Espanol

Dev. 52 esp
.pdf
Download PDF • 158KB





Foto di Monmart, www.freeimages.com

133 views1 comment

Recent Posts

See All
EP.png

IL MIO IMPEGNO

To respond to the aspiration and desire of so many honest believers to smuggle the talents received, I have pledged to train faithful men and women for "a service that serves", following the invitation of Jesus (Mt 20: 26-27). The proposed material aims to offer opportunities for training and personal growth not to be feared by others, but a sharing to grow together, far from controversy, accusations and any form of judgment aimed at fueling unnecessary disagreements and disputes. I'm trying!

Social

  • social-media (1)
  • cinguettio
  • Instagram
  • Youtube
  • telegram